Foto del mese – “Il Triangolo Invernale”

Ed ecco, puntualissimo, giungere anche il cielo stellato invernale con le sue innumerevoli meraviglie da osservare. E allora iniziamo il nuovo anno con il parlare di uno degli asterismi più belli e facili da riconoscere: il “Triangolo Invernale”. E’ impossibile non notarlo o non vederlo! In gennaio, dalle 8 di sera in poi è già osservabile al di sopra dell’orizzonte orientale. E’ composto da tre stelle molto luminose. Anzi, una delle tre è la stella più luminosa in assoluto osservabile dal pianeta Terra! Dai, è davvero facile individuarlo! Il triangolo è formato dai seguenti “vertici stellari”: la stella Procione della costellazione del Cane Minore, la stella Betelgeuse appartenente alla costellazione di Orione e la brillantissima Sirio, stella principale del Cane Maggiore. La “fotografia del mese” che vi propongo ritrae proprio questo enorme “disegno” del cielo stellato invernale. L’ho acquisita durante l’ultima notte del 2018, quando a differenza della pianura dove abbondava la nebbia, in montagna splendeva un cielo a dir poco cristallino! E poi guardate un po’… per mostravelo al meglio c’è anche il mio “assistente alberello” che ve lo indica! Ora mi auguro che per voi possa essere diventato un gioco individuarlo tra le stelle! 🙂
Photo-link

Calendario degli “astro-appuntamenti”
– 06 gennaio – “Osservo il Cielo con mamma e Papà” – ore 15:30 e 16:30 – Modena

Quest’anno con la Befana arriverà al Planetario di Modena anche il primo appuntamento stellare dedicato alle famiglie. Ci divertiremo tutti insieme a riconoscere i principali corpi celesti osservabili nel cielo dell’Epifania e al termine della proiezione stellare in cupola seguirà un “super-astro-laboratorio” dedicato sempre ai piccoli “esploratori spaziali”. Vietato mancare… la Befana vi aspetta! 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

– 17 gennaio – “Una Sera al Planetario” – ore 21 – Modena

E ritornano anche gli appuntamenti serali mensili presso il “Teatro degli Astri” di Modena. Giovedì 17 vi illustrerò le costellazioni e gli asterismi osservabili nel mese di gennaio e coglierò l’occasione per ricordarvi i fantastici appuntamenti che ci attendono con il cielo del 2019. Come al solito, la serata è per tutti… “grandi e piccini”! 🙂 

Per maggiori informazioni, visita il seguente link.

Promemoria fotografico

– 03 gennaio – “La Notte dei desideri” – ore 24:00

Vi sono avanzati dei desideri dal 2018 o ne avete già pronti di nuovi per il 2019? 🙂 Bene, questa è la notte che fa per voi! Il primo appuntamento con il cielo del mese di gennaio che vi segnalo riguarda proprio uno sciame meteorico: le Quadrantidi. Preparatevi però perché è previsto molto freddo! E allora muniti di bevande calde e indumenti termici, dalla mezzanotte in poi volgete il vostro sguardo a nord-est e siate pronti con la vista e con i desideri a intercettare le scie di colore bluastro che si accenderanno nel cielo! Ai fotografi ricordo che l’uso di un grandangolare fisheye e di un temporizzatore vi consentiranno anche di “catturarne” qualche d’una… allora sì che avrete tutto il tempo per pensare ed esprimere il vostro desiderio! 🙂

– 21 gennaio – “La Luna Rossa del Lupo” – ore 04:30

Ed eccoci giunti al secondo appuntamento con il cielo del mese, nonché uno dei più belli dell’intero anno 2019! Questa volta protagonista sarà la Luna piena di gennaio – chiamata anche dal folklore americano “The Wolf Moon – La Luna del Lupo”. Vi ricordate lo spettacolo dell’eclisse totale di Luna della scorsa estate? Bene, ora si replica! A differenza però della calda notte estiva che abbiamo vissuto, questa volta dovremo prepararci per orari e temperature un po’ meno “confortevoli”. Ufficialmente il tutto si svolgerà dalle 3:35 alle 7:40 del mattino, ma personalmente per evitare eventuali “attriti domestici” dovuti a sveglie che suonano in piena notte e per mantenere un “grado di presenza” accettabile per la giornata lavorativa seguente, vi consiglio di attendere che la Luna inizi a “colorarsi”. Pertanto dalle 4:35 in poi. Lo so è prestissimo… ma sarete ricompensati dallo spettacolo! Mi raccomando, oltre a fotografarla, osservatela con un binocolo… sarà un’emozione che difficilmente potrete dimenticare!

– 22 gennaio – “Incontri Celesti all’alba” – ore 6:00

Dai, fatta una, se ne fa anche un’altra di “alzatacce”! 🙂 Dopo la bellissima eclisse totale di Luna, il giorno seguente, sempre “a colazione”, ci attendono i pianeti Venere e Giove che si troveranno in congiunzione e pertanto appariranno nel cielo prospetticamente molto vicini. Questa volta l’orario sarà più “umano” in quanto osservabili comodamente dalle 6 del mattino sino al sorgere del Sole. E allora il mio consiglio è quello di trovare un luogo con orizzonte orientale sgombro da ostacoli e di riprendere in una unica posa i due pianeti che a quell’ora sorgeranno al di sopra della via lattea, completamente immersi nei colori del crepuscolo astronomico!

– 25 gennaio – “Un’Astronave, Marte e la Capretta”- ore 18:25

‘ venerdì, sta per iniziare ufficialmente il weekend. Nel cielo sono presenti gli “ultimi” colori del tramonto e guarda un po’… sempre in direzione del tramonto si è acceso un puntino. Ma osservatelo bene, non è un aereo, bensì un’astronave! E’ la Stazione Spaziale Internazionale che dalle 18:25 in poi si eleverà sopra l’orizzonte occidentale per poi “sfiorare” prospetticamente il pianeta Marte e raggiungere la sua massima luminosità in prossimità della stella Capella (La Capretta) della costellazione dell’Auriga fino a spegnersi all’altezza di Castore e Polluce, i due gemelli celesti inseparabili! Mi raccomando condividete questo spettacolo con i vostri amici e parenti più piccoli e ricordate loro che su quel puntino luminosissimo ci sono 6 astronauti che compiono quotidianamente esperimenti molto importanti per portare avanti la ricerca aerospaziale e in generale aumentare le nostre conoscenze sugli esseri viventi! Ora sì che il weekend potrà iniziare! 🙂 

Proposte “educational”

– Percorsi didattici, corsi fotografici, serate ed escursioni tematiche

Ricordo a tutti gli amici insegnanti, educatori o a chiunque voglia organizzare percorsi didattici o eventi con osservazione guidata del cielo diurno e notturno, che sono a vostra completa disposizione per personalizzare proposte formative di educazione ambientale dedicate a qualsiasi fascia di età. Lo stesso vale per privati, Associazioni o Enti Pubblici. Sarò felicissimo di poter collaborare nel programmare serate di divulgazione scientifica astronomica.
Non esitate a contattarmi, sarà bello poter condividere con tutti quanti voi le meraviglie della volta celeste! info

Astro-saluti

Cari Amici, allora… iniziato bene il 2019? Spero proprio di sì! E con i buoni propositi… quanti ne avete espressi o pensati? Personalmente, come al solito… tantissimi! Chissà se riuscirò a realizzarne solo la metà! 🙂 E allora ancora tanti auguri affinché il nuovo anno possa donarvi tante belle esperienze! E mi raccomando… “Non stancatevi mai di osservare e di emozionarvi davanti a un tramonto. Non stancatevi mai di osservare e sognare sotto un Cielo stellato! Non importa dove siate! L’importante è farlo perché penso che sia il tramonto che il Cielo stellato siano due delle poesie più belle che la Natura ci narri tutti i giorni e tutte le notti”!
Pierluigi
ps1_ e continuiamo allora a svelare un altro “pezzettino” su come è nata questa “poesia”… vi ricordate? Eravamo giunti all’incontro degli incontri… (N.B. a chi leggesse solo ora questa “appendice” ricordo che gli episodi precedenti li potrete trovare al seguente link, riservato in esclusiva a voi cari Amici della newsletter!)
Lei sorrise e mi disse: “Ma, allora sei tu”? Incredulo e piuttosto imbarazzato le chiesi come facesse a conoscere il mio logo. Mi rispose che per “deformazione professionale” lo aveva notato nel volantino promozionale dell’iniziativa. Le spiegai allora la simbologia insita nel logo. “MrP” era il diminutivo con cui mi chiamavano alcuni amici colleghi inglesi, mentre la nuvoletta, la falcettina di Luna e la stella simboleggiavano i miei soggetti fotografici preferiti. Scoprii così, con grande stupore, che la fanciulla oltre a essere grafica era anche fotografa … “to be continued”…