Foto del mese – “Once in a Blue Moon – Per una volta con la Luna Blu”

E dopo il “trittico” delle “Super Lune” vi presento ora la “Blue Moon” e vi parlo di quante cose si possono fare o promettere con la “Luna Blu” 🙂 Eh sì, è proprio così… il termine di “Luna Blu” è nato dal folklore anglosassone per indicare qualcosa di raro, che si verifica o si potrà verificare quindi non molto di frequente. Astronomicamente parlando questo si traduce nell’avere due lune piene nello stesso mese. Quest’anno ne abbiamo avute ben due: la prima il 31 gennaio e la seconda il 31 marzo. Anno particolarmente “blue”! 🙂 Avete pertanto capito come il termine di “Blue Moon” non sia associabile a particolari colori assunti dal nostro satellite naturale, ma al fatto che una certa circostanza si verifichi di rado. “Once in a Blue Moon” pertanto lo potrete usare per indicare ad esempio qualcosa che farete solo in determinate condizioni, oppure come ha fatto il sottoscritto, per giustificare “pazzie”… Sapete cosa ho “combinato” in concomitanza della prima “Luna Blu”? Quella di gennaio? Leggete qui di seguito… e mi raccomando, siate clementi, non raccontatelo troppo in giro… 🙂

La “foto del mese” ritrae l’alba della prima “Blue Moon” del 2018 mentre sorge dall’orizzonte marino osservabile da Montesilvano di Pescara. Ebbene sì, il 31 gennaio, giorno di San Geminiano, santo patrono della città di Modena, viste le pessime condizioni atmosferiche presenti sull’Emilia Romagna e in generale su i 3/4 della penisola italiana, mi sono piazzato in autostrada e “guidato” dalle immagini meteo satellitari sono andato in direzione sud sino a raggiungere il primo luogo dove le condizioni fossero sufficientemente favorevoli alla ripresa di questo secondo plenilunio mensile. Il risultato ottenuto è stato questo disco lunare colorato e deformato dall’atmosfera terrestre e mostrante sul suo bordo inferiore un “red flash”. Fotometeora indicante la presenza di strati atmosferici a diversa densità. E’ stata una delle mie tante bizzarre avventure astrofotografiche, ricche di aneddoti e con una buona dose di “follia”. Questa volta però “la scusa” è stata… 800 chilometri e 8 ore di viaggio? Sì, ma solo “per una volta… con la Luna Blu”! 🙂
Photo-link

Calendario degli astro-eventi

– 07 aprile – “Passeggiando tra i colori alla riscoperta delle meraviglie del cielo” – Castelnovo ne’ Monti (RE)

A chi volesse fare una bella passeggiata in uno dei luoghi più incantevoli in assoluto dell’Appennino Reggiano, segnalo questo appuntamento dedicato all’osservazione del cielo stellato. Immersi nei colori, nei suoni e nei profumi della primavera saliremo sul pianoro sommitale della Pietra di Bismantova da dove, dopo aver osservato il tramonto del Sole, ci divertiremo a riconoscere tutti insieme le costellazioni primaverili e ad osservare il transito della Stazione Spaziale Internazionale!

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

– 08 aprile – “Al Planetario con Mamma e Papà” – Modena

Appuntamento primaverile dedicato ai piccoli esploratori spaziali. Come di consuetudine, all’interno della cupola del planetario di Modena parleremo dei disegni del cielo stellato. Vi aspetto, grandi e piccini! 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

– 09 aprile – “Intervista televisiva a TRC” – ore 10:00

Lunedì mattina 9 aprile, alle ore 10 sarò ospite a “Detto Tra Noi” e intervistato in diretta dalla bravissima Rossana Caprari parlerò di… indovinate un po’? Avete già capito… ASTROFOTOGRAFIA! 🙂

Per guardare la diretta di “Detto tra Noi”, visita il seguente link.

– 12 aprile – “Una sera al Planetario” – Modena

Secondo appuntamento primaverile dedicato al riconoscimento delle costellazioni osservabili nel mese di aprile. Vi aspetto giovedì 12 aprile, alle ore 21, al Planetario di Modena e come al solito vi consiglio la prenotazione on-line per riservarvi un posticino! 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

– 21 aprile – “Passeggiata fotografica nel parco regionale dei Sassi di Roccamalatina” – Guiglia (MO)

A tutti gli amanti delle passeggiate, a tutti i fotografi e a tutti i curiosi osservatori del cielo e in generale della natura, segnalo questo nuovo appuntamento in un bellissimo parco della Regione Emilia Romagna! Percorreremo parte della rete sentieristica presente e ci soffermeremo a osservare e fotografare la natura che circonda queste formazioni rocciose risalenti a ben 90 milioni di anni fa!!! Preparate zaini e attrezzatura fotografica… vi aspetto… la passeggiata è adatta a tutti! 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

Promemoria fotografico

– 08 aprile – “Il trio delle Meraviglie” – ore 02:45 am

Il mese di aprile 2018 inizia con una bella congiunzione prospettica tra i pianeti Marte e Saturno. Domenica mattina 8 aprile entrambi sorgeranno insieme all’ultimo quarto della Luna che ci ha accompagnato alla Santa Pasqua appena trascorsa. Non perdete questa bella occasione per osservare e fotografare tre dei corpi celesti più belli e colorati osservabili dal nostro pianeta! Poi potrete finalmente andare a letto… 🙂

– 08 aprile – “Aperitivo con 6 astronauti” – ore 19:25

E terminiamo il secondo weekend di aprile come si deve! 🙂 Alle 20.30 di domenica 8, subito dopo il tramonto, mentre nel cielo brilleranno a sud la stella Sirio e in direzione del tramonto il pianeta Venere, ecco che guardando rivolti verso la polare potrete scorgere il transito della Stazione Spaziale Internazionale che solcherà il cielo davanti a voi, da sinistra a destra, o meglio da occidente verso oriente, raggiungendo la sua altezza massima e il suo massimo splendore in prossimità del grande carro. Condividete questa esperienza con i vostri amici o parenti e ricordate loro che in quel puntino luminoso ci sono 6 persone che stanno volando a 28.000 Km/h a quasi 500 chilometri da voi! 🙂

– 24 aprile – “Il Pianeta dell’Amore e le Sette Sorelle” – ore 21:00

Ed eccoci giunti ad uno degli spettacoli più belli del mese di aprile… per di più in primissima serata! Martedì 24, dopo circa un’ora dal tramonto, potrete iniziare a osservare e fotografare il pianeta più brillante in assoluto e uno degli ammassi stellari più celebri e spettacolari del cielo. Venere e le Pleiadi tramonteranno infatti prospetticamente insieme! Mi raccomando, avrete poco più di un’ora per osservarli e fotografarli sull’orizzonte occidentale! Il tempo necessario quindi per programmare con un medio-tele una ripresa astrofotografica che unisca entrambi questi gioielli celesti a elementi del paesaggio che vi circonda.

– 29 aprile – “The Pink Moon” – ore 19:45

Il mese di aprile terminerà con un altro bel appuntamento celeste “comodo comodo” 🙂 Potremo infatti concludere l’ultimo weekend del mese con l’alba della “Pink Moon”. Chiamata così per questioni non tanto musicali, ma per folklore indiano in quanto è la Luna piena associata alla fioritura del Phlox – pianta erbacea dai fiori per l’appunto rosa. Non dimenticatevi pertanto di condividere, osservare e fotografare questo coloratissimo evento celeste! 🙂

Proposte “educational”

– Percorsi didattici, corsi fotografici, serate ed escursioni tematiche

Ricordo a tutti gli amici insegnanti o a chiunque voglia organizzare percorsi didattici o eventi con osservazione guidata del cielo diurno e notturno, che sono a vostra completa disposizione per personalizzare proposte formative di educazione ambientale dedicate ai vostri studenti o collaborare con privati, Associazioni o Enti Pubblici per programmare serate di divulgazione scientifica astronomica.
A tal proposito, per il mese di aprile ricordo gli l’appuntamenti di sabato 07 e sabato 21. Il primo riguarda l’escursione primaverile sulla sommità della Pietra di Bismantova dedicata ai colori della primavera e all’osservazione e riconoscimento delle principali costellazioni primaverili. Mentre il secondo è una bellissima passeggiata fotografica nel Parco Regionale dei Sassi di Rocca Malatina.


Non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni! Sarà bello condividere con tutti quanti voi le meraviglie della volta celeste! info

Un “astro-saluto” a Tutti

Cari Amici, allora? Siete riusciti a osservare o fotografare la stazione spaziale “Tiangong-1”? No? Beh… in una delle prossime newsletter vi racconterò cosa mi è capitato… Certo è che questa volta i media hanno dato un ampio spazio al rientro del “Palazzo Celeste” cinese! Tutto questo penso abbia “fatto bene” alla curiosità degli studenti. Sentir parlare di Stazioni Spaziali fuori controllo, detriti spaziali, orbite di rientro, atmosfera, variazioni del vento solare, ecc., ecc., penso abbia potuto destare in qualcuno l’interesse a studiare o perlomeno a documentarsi su alcuni di questi temi. Peccato solo per l’allarmismo creatosi perché ritengo che su alcune fasce sensibili di popolazione possa avere avuto effetti piuttosto negativi. Che ridere nel leggere le vignette su i “Social”… se non altro c’è sempre qualche mattacchione che regala dei sorrisi… 🙂 In ogni caso, tutto passato e tutto finito! La Tiangong-1 si è disintegrata in atmosfera e circa il 10% dei rottami sopravvissuti al rientro sono caduti nelle acque dell’oceano Pacifico. A chi fosse ancora curioso di “space debris”, consiglio di dare un’occhiata a questo video sul progetto “e.Deorbit”.
Giunti a questo punto non mi rimane altro che ringraziarvi ancora una volta per esservi iscritti alla mia newsletter e augurarvi uno strepitoso mese di aprile! Non vedo l’ora di potervi incontrare nuovamente di persona durante i miei eventi pubblici! 🙂 Nel frattempo, la mia esortazione rimane sempre la stessa: “Non stancatevi mai di osservare e di emozionarvi davanti a un tramonto. Non stancatevi mai di osservare e sognare sotto un Cielo stellato! Non importa dove siate o con chi! L’importante è farlo perché penso che sia il tramonto che il Cielo stellato siano due delle poesie più belle che la Natura ci regala tutti i giorni e tutte le notti”!
Pierluigi
ps_ continuiamo allora a svelare quando è nata questa poesia… vediamo un po’… eravamo rimasti a… correva l’anno 2009… in concomitanza della mia primissima edizione delle “Notti Galileiane in piazza Grande”, si verificò qualcosa di davvero incredibile. Dopo una notte di pioggia e quindi dopo aver ospitato all’interno del Planetario la prima delle due serate previste dall’evento, eccomi in centro, nella piazza più bella e più grande della città. E’ sabato, tardo pomeriggio. Non mi par vero, dopo una notte e una giornata di pioggia, il cielo si è completamente rasserenato. Mostra un colore blu, indaco, fantastico. Una piccola e timida falcettina lunare vi si staglia per contrasto. Il clima è stranamente caldo, mite, quasi primaverile. Dopo circa una mezz’ora dall’inizio delle osservazioni pubbliche avviene l’incontro. La piazza sempre più gremita di persone diventa ancora più calda e accogliente, quasi un salotto. Le persone in coda per l’osservazione sono sempre più numerose, ma è talmente tanta la curiosità e la voglia di osservare il cielo che nessuno da segni di impazienza. Giovani, meno giovani, famiglie, gruppi di amici, persino un “senza tetto”, sono tutti in fila ad aspettare… “to be continued”…