Foto del mese – “The Wolf SuperMoon – La Super-Luna del Lupo”

Un mese fa parlavamo della Luna della “Lunga Notte”… vi ricordate? Questa volta continuiamo sempre con il “trittico” delle tre super lune appena trascorse e in particolare parliamo della seconda Super-Luna, quella del “Lupo”. Il folklore delle tribù degli indiani d’America associa infatti a questo bellissimo animale la prima Luna piena dopo il solstizio invernale. A questo punto immagino vi stiate chiedendo perché proprio al lupo. Bene, basti pensare che nell’ambiente naturale dell’emisfero nord del nostro pianeta, gennaio è il mese intermedio della stagione invernale. Per i nostri Avi era un mese spaventoso, nel vero senso della parola. Le provviste di cibo erano in diminuzione e di anno in anno non vi era la certezza che sarebbero durate sino all’arrivo della primavera. Inoltre, come noto, nel mese di gennaio la neve tende ad accumularsi nei boschi e gli ululati dei lupi possono essere uditi echeggiare nell’aria fredda delle notti di Luna piena. Vi ho spaventato? No, spero proprio di no! 🙂 Vi assicuro il lupo è un animale strepitosamente bello e innocuo per l’uomo. Non ci credete? Allora guardate questo video 🙂

La “foto del mese” ritrae l’alba della Luna piena più grande del 2018 mentre si appresta a sorgere dalla pianura padana, in direzione della città di Ferrara, subito dopo il tramonto del Sole dello scorso martedì 2 gennaio. La fotografia è stata acquisita nelle vicinanze del Castello di Montegibbio, dai rilievi collinari che circondano la città di Sassuolo, in provincia di Modena. E’ sempre molto emozionante osservare il sorgere della Luna e del Sole. Soprattutto quando sono presenti strati di inversione termica che colorano e deformano questi corpi celesti, dando origine, come in questo caso, a miraggi superiori e inferiori quali il “Green-Rim” e il “Red-Rim”. Non mi stancherò mai di fotografarli! 🙂 A chi volesse approfondire la “natura fisica” di simili meraviglie ricordo il bellissimo libro del Prof. Marcel Minnaert:  “The Nature of Light and Colour in the Open Air”. Buona lettura e buoni esperimenti a Tutti!

ps_ ma… li vedete anche voi i due innamorati che si baciano sulla superficie della Luna? No? Ma come… dite che non “soffrite” come me di “pareidolia acuta”? 🙂 Va bene… e allora vorrà dire che ne parleremo in una prossima newsletter!  
Photo-link

Calendario degli astro-eventi

– 05 marzo – “Presentazione corso di Sky Photography” – Parma

E ci siamo, tutto è pronto per la presentazione del “Secondo Corso di Sky photography” nella bellissima città di Parma. L’appuntamento è per lunedì 5 marzo, alle ore 21, presso “Sala 3” del centro salesiano “San Benedetto”. Siete Tutti inviatati e mi raccomando, ricordatelo agli amici o conoscenti potenzialmente interessati! Grazie! 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

– 15 marzo – “Una sera al Planetario” – Modena

Il “Leone” è sempre più alto! Siamo quasi giunti all’inizio ufficiale della stagione primaverile! E allora, quale occasione migliore per “salutare” le costellazioni invernali e dedicarsi al riconoscimento e all’osservazione dei disegni del cielo di inizio primavera? L’appuntamento è per giovedì 15 marzo, alle ore 21, al Planetario di Modena. Consiglio la prenotazione on-line per riservarsi un posticino! 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

– 31 marzo – “Passeggiando tra i colori alla riscoperta delle meraviglie del cielo” – Castelnovo ne’ Monti (RE)

Ohhh… finalmente ci siamo! Possiamo dare il via ufficiale al calendario delle escursioni 2018! A chi volesse fare una bella passeggiata in uno dei luoghi più incantevoli in assoluto dell’Appennino Reggiano, segnalo questo appuntamento dedicato all’osservazione dell’alba della “Blue-Moon” di Pasqua e all’osservazione del cielo stellato. Il tutto circondati dai colori, dai suoni e dai profumi della primavera! Sarà una bellissima occasione per scambiarci gli Auguri di Buona Pasqua! Vi aspetto 🙂

Per maggiori informazioni e prenotazioni, visita il seguente link.

Promemoria fotografico

– 05 marzo – “I vicini della prima e seconda orbita” – ore 18:45

Udite udite… per il mese di marzo 2018… nessuna sveglia all’alba! Non avrete più scuse! 🙂 In più il mese di marzo inizia con un astro appuntamento facile facile… ok, si fa per dire 🙂 I pianeti Venere e Mercurio “danzeranno” infatti molto vicini, subito dopo il tramonto del Sole. Lunedì 5 marzo, ad esempio, potrete riprenderli piuttosto bassi nei colori del crepuscolo nautico. Trovato Venere, l’astro più brillante, avrete Mercurio, molto vicino, in alto a destra del pianeta dell’Amore. Come di consuetudine, cercate di contestualizzarli fotograficamente con elementi del paesaggio che vi circonda. Se mancherete l’appuntamento, non disperatevi… potrete comunque riprenderli anche nei tramonti seguenti, sin verso fine mese. In base al giorno ovviamente cambieranno sia la loro posizione che la loro distanza prospettica.

– 08 marzo – “Il transito del Palazzo Celeste” – ore 19:25

Lo so… lo so… è la festa della donna, anzi… AUGURI A TUTTE LE DONNE!!! Ma… sentite un po’ qui: tra metà marzo e metà aprile di quest’anno dovrebbe rientrare sulla Terra la stazione spaziale cinese “Tiangong-1”. Il tutto si tradurrà fotograficamente come una enorme “stella cadente”. Gli scienziati stanno di giorno in giorno calcolando l’orbita dell’astronave oramai fuori controllo da più di due anni. Ii rientro sembra che avverrà tra il 43° parallelo Nord e il 43° parallelo sud. Vi ricordate vero a che latitudine ci troviamo? 🙂 E’ probabile che frammenti possano impattare anche al 44° parallelo Nord. Sopra di noi. E allora prepariamoci, seguiamo l’evolversi della traiettoria e prima che si distrugga completamente con l’impatto con l’atmosfera, proviamo a fotografarla. Giovedì otto marzo potrebbe essere una buona occasione. Per riprendere il “Palazzo Celeste” (questo vuol dire in italiano Tiangong) dovrete recarvi fuori dalle città in un luogo che vi consenta di osservare la stella Sirio e la costellazione di Orione. Attendete le 19:25 e acquisite con un grandangolo il transito della stazione spaziale cinese che avverrà da occidente verso oriente tra Sirio e Orione. Mi raccomando, in base al luogo da cui proverete l’acquisizione, controllate bene gli orari. Esistono App e siti web dedicati. Ad esempio, una nota e gratuita risorsa internet è questa. E allora… ancora auguri a tutte le donne e buon divertimento con il “Palazzo Celeste”! 🙂

– 18 marzo – “La Luna e i pianeti interni” – ore 18:55

Questo è un altro bellissimo e imperdibile appuntamento con il tramonto. Alle 18.55 di domenica 18 marzo avrete davanti a voi in direzione del tramonto, da sinistra verso destra: una falcettina di Luna illuminata del solo 1,6% dal Sole e in alto alla sua destra il brillantissimo pianeta venere e ancora più in alto a destra il pianeta più interno del nostro Sistema Solare: Mercurio. Quale migliore occasione per concludere in bellezza il weekend?!? 🙂

– 20 marzo – “Il Re dell’Equinozio” – ore 19:15

Ben tornata primavera! Martedì 20 marzo 2018, alle ore 17:15, si verificherà ufficialmente l’equinozio di primavera. E allora, se non siete a Stonehenge vestiti da druidi, cosa che non sarebbe male, prima o poi lo farò… perché non celebrare l’inizio della stagione con il riprendere fotograficamente la costellazione guida del periodo? Dalle 19:15 in poi la costellazione del Leone sarà emersa totalmente dall’orizzonte orientale. Riprendetela su alberi in fiore o con germogli e allora sì… la festa sarà completa! 🙂

– 31 marzo – “La Luna-Blu di Pasqua” – ore 19:45

Siete pronti per la seconda e ultima “Blue-Moon” dell’anno 2018? E allora preparatevi con l’attrezzatura fotografica perché sabato 31 marzo, alle ore 19:45 sorgerà la seconda Luna piena di marzo. Non solo sarà “Blue-Moon” come chiamata dal folklore americano, ma sarà anche la Luna piena che scandirà la Pasqua del 2018. Se non siete in vacanza, vi do appuntamento alle 17:30 nel parcheggio della Pietra di Bismantova. Da qui alle 18.00 saliremo in escursione sulla sommità della Pietra e condivideremo insieme il tramonto, l’alba lunare e le principali costellazioni della primavera. Per gli interessati, questo è il link di iscrizione 🙂

Proposte “educational”

– Percorsi didattici, corsi fotografici, serate ed escursioni tematiche

Ricordo a tutti gli amici insegnanti o a chiunque voglia organizzare percorsi didattici o eventi con osservazione guidata del cielo diurno e notturno, che sono a vostra completa disposizione per personalizzare proposte formative di educazione ambientale dedicate ai vostri studenti o collaborare con privati, Associazioni o Enti Pubblici per programmare serate di divulgazione scientifica astronomica.
Ricordo infine l’appuntamento di sabato 31 marzo. Prima escursione primaverile sulla sommità della Pietra di Bismantova dedicata ai colori della primavera, alla “Blue-Moon” e all’osservazione e riconoscimento delle principali costellazioni primaverili.


Non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni! Sarà bello condividere con tutti quanti voi le meraviglie della volta celeste! info

Astro-saluti

Cari Amici, allora? Come avete trascorso il secondo mese del 2018? Spero tutto al meglio! Personalmente è stato piuttosto impegnativo, sia da un punto di vista lavorativo che personale. Ora è tempo di primavera, non ci sono più scuse 🙂 Avremo tutti più tempo da trascorrere all’aria aperta e per “risvegliarci” insieme ai colori e ai profumi della natura 🙂
Grazie ancora una volta per esservi iscritti alla mia newsletter. Non vedo l’ora di potervi incontrare nuovamente di persona durante i miei eventi pubblici! 🙂 Nel frattempo, la mia esortazione rimane sempre la stessa: “Non stancatevi mai di osservare e di emozionarvi davanti a un tramonto. Non stancatevi mai di osservare e sognare sotto un Cielo stellato! Non importa dove siate o con chi! L’importante è farlo perché penso che sia il tramonto che il Cielo stellato siano due delle poesie più belle che la Natura ci regala tutti i giorni e tutte le notti”!
Pierluigi
ps_ continuiamo allora a svelare quando è nata questa poesia… vediamo un po’… eravamo rimasti a… correva l’anno 2009… in concomitanza della mia primissima edizione delle “Notti Galileiane in piazza Grande”, si verificò qualcosa di davvero incredibile. Dopo una notte di pioggia e quindi dopo aver ospitato all’interno del Planetario la prima delle due serate previste dall’evento, eccomi in centro, nella piazza più bella e più grande della città. E’ sabato, tardo pomeriggio. Non mi par vero, dopo una notte e una giornata di pioggia, il cielo si è completamente rasserenato. Mostra un colore blu, indaco, fantastico. Una piccola e timida falcettina lunare vi si staglia per contrasto. Il clima è stranamente caldo, mite, quasi primaverile. Dopo circa una mezz’ora dall’inizio delle osservazioni pubbliche avviene l’incontro. La piazza sempre più gremita di persone diventa ancora più calda e accogliente, quasi un salotto. Le persone in coda per l’osservazione sono sempre più numerose, ma è talmente tanta la curiosità e la voglia di osservare il cielo che nessuno da segni di impazienza… “to be continued”…